Registro Pubblico CUDE

 

cude

 

ANCI Sardegna ha colto la necessità dei Comuni italiani di avere una rete unica di informazioni per condividere i dati non sensibili dei disabili, al fine di garantire loro la mobilità in tutta la Penisola, l’anticontraffazione dei CUDE (Contrassegno Unificato Disabile Europeo), il riconoscimento dei propri diritti non soltanto nel Comune di residenza.

L’ambizioso Progetto risponde completamente alle intenzioni della Comunità Europea e del legislatore nazionale e sardo; infatti la Regione Sardegna, nel proprio atto di indirizzo della Strategia Regionale per la Programmazione 2014 – 2020 richiama la necessità nell’ambito delle politiche di inclusione attive di effettuare interventi mirati a garantire un accesso universale e paritario ai servizi di interesse generale per i soggetti svantaggiati, interventi che si completano anche con la realizzazione di partnership tra enti pubblici e privati, mirati alla realizzazione di servizi e buone pratiche in grado di offrire risposte a bisogni complessi, di ampliare la gamma di servizi entro la quale individui e famiglie possano esercitare liberamente le proprie scelte in funzione delle proprie esigenze, prestare particolare attenzione alla diffusione di meccanismi ed esperienze per l’inclusione sociale attraverso il ricorso alle nuove tecnologie per un ampliamento dei servizi offerti.

Il Registro Pubblico CUDE con integrata la piattaforma applicativa di infomobilità TRAFFID (un microcip) consente di gestire i CUDE, dando informazioni sullo stato di autenticità e validità di ogni contrassegno emesso, consentendo a tutte le amministrazioni aderenti di effettuare accertamenti in tempo reale sia sui contrassegni di propria competenza che su quelli delle altre amministrazioni.

Obiettivo specifico è quello di far aderire il maggior numero di Comuni italiani, per poter garantire a tutti i disabili una totale mobilità sul territorio nazionale, e favorire un controllo puntuale delle autorizzazioni e quindi l’eliminazione degli abusi, senza ulteriori e differenti regolamentazioni d’accesso al diritto al parcheggio, facilitando i loro spostamenti anche nelle zone ZTL.

 Obiettivo generale è quello di esportare la best practice sarda nelle altre Regioni d’Italia per favorire la creazione di un Registro Pubblico a livello nazionale, strumento ideale per rendere efficiente e snella la gestione dei processi amministrativi.

 La realizzazione di tale banca dati, che riunirà tutti i registri comunali, eliminerà totalmente i problemi sopradescritti, regolamenterà la materia in modo univoco ponendoci all’avanguardia nella gestione di questa problematica di forte impatto sociale.

Infatti, il progetto è fortemente sostenuto dall’ANVU (Associazione Professionale Polizia Locale d’Italia), dall’ANGLAT (Associazione Nazionale Guida Legislazione Andicappati Trasporti) e dall’Associazione RP Sardegna (Associazione Ciechi Ipovedenti Retinopatici).

Se si considera che solo nell’Isola sono presenti circa 95.000 invalidi (5% in più su media nazionale), di cui 65.000 disabili gravi, per un totale di circa 45.000 pass emessi, è immediatamente comprensibile come sia necessaria una maggiore regolamentazione degli stessi; se ciò è vero per la Sardegna, vale altrettanto per le altre Regioni.

Grazie a questo ambizioso progetto la Sardegna sarà un esempio di civiltà e fungerà da apripista nelle altre Regioni d’Italia.

Il nostro intento è quello sensibilizzare cittadini, associazioni di categoria e amministrazioni per favorire la creazione della Banca dati nazionale.

Comuni, Unioni di Comuni e Comunità Montane possono aderire al Progetto, fornendo, in questo modo, un prezioso servizio al cittadino disabile ed ai suoi familiari.

Per adesioni ed ogni altra informazione utile contattare i nostri uffici al numero 070669423 oppure scrivere una mail all’indirizzo di posta elettronica: marinagreco@ancisardegna.it

Brochure Registro Pubblico CUDE

http://www.registropubblicocude.it/

Blog Disabilità senza barriere

Rassegna stampa

VIDEO: Maria Rita Busetti: Citypass, i Comuni in rete per permettere ai disabili di accedere alle ztl con un contrassegno unico.

http://www.superando.it/2014/10/31/quando-la-burocrazia-e-piu-rigida-di-una-barriera/

http://www.lastampa.it/2014/10/23/edizioni/asti/lodissea-di-noi-invalidi-nellintricata-giungla-delle-ztl-italiane-lnOk6g4HRvjz5GJDgYhy4H/pagina.html

18.09.2014 – ANCI Sardegna

http://www.comunecagliarinews.it/news.php?pagina=11713

Print Friendly

Anci Sardegna

Viale Trieste 6, 09123 Cagliari
Cod.Fisc.: 92016930924 - P.IVA: 02143310924
Tel: 070666798 - Fax: 070660486
mail: protocollo@ancisardegna.it - PEC: ancisardegna@pec.it - Cookie Policy